Pensieri sulla decrescita

E’ da un po’ che volevo scrivere qualcosa sulla decrescita, ma per mancanza di tempo non ci sono mai riuscito. Questo non vuol essere un post esaustivo sull’argomento, quanto un work-in-progress per districarsi in quel crogiuolo di opinioni e cialtronerie che è diventata la decrescita sui media italiani.

Cominciamo dall’inizio: cos’è la decrescita? Decrescita è un termine che abbraccia tante discipline – economia, ecologia, eccetera – e parte dall’assunto che le risorse naturali sono limitate. Di conseguenza, non si può immaginare un sistema a crescita infinita. Sulla decrescita è cresciuto negli anni un coacervo di idee e movimenti anti-produttivisti, anti-consumisti, anti-capitalisti ed ecologisti, in conflitto con (quasi) tutto, spesso anche tra di loro. In Italia, i decrescisti più famosi sono certamente Maurizio Pallante e Luca Mercalli, anche se sulla decrescita si sono espressi di recente Serena Dandini, Carlo Petrini e Sandro Veronesi.

La decrescita non va confusa con lo sviluppo sostenibile, il quale non mette in discussione il perseguimento della crescita economica ma lo sottopone a vincoli di sostenibilità. Dal momento che una crescita infinita in un mondo dalle risorse finite è per definizione insostenibile, per i decrescisti lo sviluppo sostenibile è niente più che un ossimoro. Intediamoci, la teoria della decrescita non implica il perseguimento della decrescita fine a se stessa, ma si pone come fine la ricerca di vita migliore, sostenendo che la crescita del PIL non coincide con una crescita di benessere. Proprio per l’assunto di finitezza della risorse sfruttabili, la decrescita è in opposizione a ogni forma di spreco dell’attuale economia produttivista basata sulla combustione di fonti fossili finibili (carbone, petrolio, gas naturale).

Fin qui la teoria. Ora vediamo la pratica. In questi tempi di crisi economica, la decrescita è stata calvacata da alcuni esponenti della sinistra secondo cui il desiderio di avere scuole migliori, ospedali migliori, più fondi alla ricerca, più fondi alla cultura, stipendi più alti, pensioni più alte, strade più sicure, servizi sociali migliori – più “benessere” insomma – sarebbe possibile non con la crescita e lo sviluppo bensì con la decrescita. Di recente si è potuto leggere su Il Fatto Quotidiano un surreale scambio sull’argomento tra Maurizio Pallante e Stefano Feltri. Surreale perchè Pallante, pur essendo uno dei massimi sostenitori, dimostra una certa confusione sull’idea stessa di decrescita oltre che su concetti di macro-economia e “benessere”. Insomma, siamo al delirio quasi totale.

Come si misura la crescita del “benessere”? Il “benessere”, lo sapete tutti, si misura attraverso il famoso/famigerato PIL, ossia il Prodotto Interno Lordo. Ora, qualcuno giustamente potrebbe chiedersi perchè usare proprio il PIL. Perchè non usare un altro indicatore meno materiale – come vorrebbero i decrescisti – quale l’indice di sviluppo umano dell’ONU, la spesa in ricerca o l’istruzione media? Per un ottimo motivo: perchè tutti gli indicatori alternativi considerati da economisti e statistici in decenni di ricerche, quelli sopra inclusi, alla fine sono risultati essere fortemente correlati col PIL. Ergo, se cresce il PIL cresce l’indice di sviluppo umano, e via così per tutto il resto. Se esiste un indicatore migliore del PIL per definire il “benessere” questo non è ancora noto, per cui ci dobbiamo tenere il PIL. Almeno finchè i decrescisti non spiegheranno quale indicatore usare.

Tornando ai decrescisti citati sopra, Pallante da tempo perora l’efficienza energetica – la “logica del bottiglione”, per chi ha letto i libri di Pallante – come esempio di decrescita. Peccato che l’efficienza energetica non si ascriva alle misure per la decrescita, quanto proprio all’opposto, come giustamente fa notare Feltri. Risparmiare risorse, ad esempio, isolando termicamente casa serve appunto a consegnare un surplus di risorse libere (quelle risparmiate) da investire in altro, con il risultato di far crescere il PIL. L’efficienza energetica dunque è un modo per crescere, e non per decrescere, e il suo risultato è massimizzato dallo stimolo della libera competizione. Questo, alla fine, è il motivo per cui Monti&co. stanno puntando su liberalizzazioni e flessibilità di mercato per ridare smalto all’economia europea: perchè in Europa consumiamo troppo rispetto a come produciamo.

Secondo la solita teoria economica marginalista dello sfruttamento delle risorse naturali finibili, quando una risorsa è in via di rarefazione il suo prezzo aumenta, tanto da rendere economicamente conveniente lo sviluppo di alternative più economiche. E se non esiste alternativa? Semplicemente molti beni diventeranno troppo costosi e non avrà più senso produrli. Insomma, se il petrolio divenisse troppo costoso e non esistesse alternativa, semplicemente smetteremo di produrre tutti quei beni voluttuari di cui alla fine non ce ne facciamo poi molto, concentrandoci sui beni primari. E se non avessimo abbastanza energia o risorse per produrre anche solo i beni primari? Semplice, saremo tutti morti. Alla fine, il punto dei decrescisti è proprio questo: siccome viviamo in un sistema finito e rischiare la pelle non piace a nessuno, è meglio razionare i consumi al minimo indispensabile, da ieri e per sempre. Niente sprechi, niente crescite infinite, niente SUV, niente aifòn. E qui arrivano i dubbi.

Nell’accezione di Pallante e Mercalli, efficienza energetica probabilmente significa, ad esempio, isolare casa ma mettendo da parte le risorse risparmiate per il futuro oppure reinvestendole in qualcosa di sostenibile, come ad esempio la produzione di energia elettrica tramite pannelli solari). Ecco, per farla semplice, cosa è sostenibile e cosa no? La ricerca è sostenibile? E internet, google, Il Post sono sostenibili o spreco di energia? Il libero mercato così come esiste oggi, attraverso il meccanismo della domanda e dell’offerta – stimoli keynesiani incontrano il mio personal favore – serve proprio allo scopo di massimizzare il “benessere” lasciando libertà alle persone di decidere cosa è meglio per il loro futuro, limitandone contemporaneamente i consumi. Se non esistesse il sistema dei prezzi di mercato semplicemente tutti vorremmo tutto, checchè ne dicano i decrescisti su base volontaria, con il risultato di bruciare le risorse in brevissimo tempo.

Ma soprattutto, chi decide cosa è sostenibile e cosa non lo è? Nel momento in cui l’allocazione di beni e risorse è decisa da un ente centralizzato, dal potere enorme per definizione, chi lo compone? Lo eleggiamo con libere elezioni? Se alle elezioni si presentassero due coalizione facenti capo, ad esempio, a D’Alema e Berlusconi, quale dei due preferireste decida quanto, per cosa e quando siete autorizzati a consumare? Oppure aboliamo le libere elezioni? Non lo dico per essere antipatico, quanto proprio perchè non mi è chiaro il meccanismo decisionale di allocazione delle risorse proposto per la decrescita. Questo è da sempre il grande limiti dei decrescisti: tranne qualche banalità volontaristica (e i contrari in galera, probabilmente) nessuno va oltre la critica al sistema economico attuale ed è in grado di costruire un programma serio – ho detto serio – e credibile – ho detto credibile – di politiche economiche, sociali ed energetiche che consenta di governare un mondo in decrescita. Certo, risolvere problemi settoriali come quello ambientale o energetico è importante, ma siamo ben lontano dal risolvere il problema di governo nella complessità delle società moderne.

Più a monte, nonostante decenni di stime, modelli e predizioni non sappiamo esattamente quante risorse *sfruttabili* ci siano sul pianeta. Non lo sappiamo perchè la definizione di *sfruttabile* dipende da tante cose – esplorazione, avanzamenti tecnologici, EROEI, costi, esigenze reali e voluttuarie, eccetera – nessuna delle quali è univocamente fissata nel tempo. Certo, può essere che l’avanzamento tecnologico abbia un limite. E può anche essere che di petrolio ne resti davvero poco poco, e che il mondo non abbia pronto un rimpiazzo adeguato quando arriverà il momento. Può essere che accadano tante cose, anche tremende, capaci di far collassare il mondo come lo conosciamo – guerre, asteroidi, carestie – nessuna delle quali impossibile. Semplicemente non sappiamo cosa ci attende domani e di conseguenza non sappiamo come comportarci oggi. Alla fine, la decrescita si configura come una filosofia dominata dalla paura dell’ignoto, in cui dovremmo razionare tutto, da oggi e per sempre, altrimenti domani cosa ne sarà di noi. Proprio questo motivo mi convince che la decrescita rimarrà comunque un movimento marginale e di nicchia per conservatori benestanti: perchè pone al suo centro la paura dell’esaurimento delle risorse, in opposizione al sogno di un domani migliore dell’economia produttivista. Intendiamoci, questo non vuol dire che potremo necessariamente sempre mantenere o aumentare il livello di produzione e consumo attuali. Coi limiti fisici della materia non si scherza. Vuol invece dire che il razionamento su base volontaria perorato dai decrescisti è una utopia destinata a rimanere tale, e che, in assenza di un modello di governance credibile, se e quando i consumi diminuiranno avverrà comunque solo per la rarefazione delle risorse naturali, vivendo comunque al limite consentitoci.

Forse Colombo sapeva cosa avrebbe trovato oltre le colonne d’Ercole, prima di varcarle? No, certo. Ebbe paura? Probabilmente sì, come abbiamo tutti paura di fronte all’ignoto. Allora perchè sfidare i limiti del mondo conosciuto mettendo a repentaglio la proprio vita? Perchè, alla fine, la sete di conoscenza e il desiderio di sfidare i nostri limiti è la ragione che ci muove ogni giorno, che ci spinge a fare le cose oggi meglio di ieri, per un domani migliore. E’ quello che ci rende vivi. Quello che ci rende umani.

About these ads

22 Responses to Pensieri sulla decrescita

  1. ijk_ijk scrive:

    Ripeto che per me è sempre un piacere leggerti anche da decrescista qui mi ritengo. Anch’io vedo forti contraddizioni in questo movimento di decrescita E mi riconosco purtroppo nella definizione di conservatore benestante. A una certa età è facile parlare di decrescita ma spiegarlo ad un 14enne che vuole lo scooter è un tantino più arduo. Però la consapevolezza dei limiti del pianeta e dell’ambiente non può non portare a pensare di darci una calmata noi da soli prima che ce la imponga la fisica con forza. Poi una considerazione se vuoi sentimentale: non mi sembra che se il PIL è raddoppiato negli ultimi 30anni poi oggi si stia molto meglio. Qualcosa è migliorato, ad esempio l’avvento di internet mi sembra un gran progresso, ma il mondo al di fuori della stanza da cui scrivo mi sembra diventa un’inferno.

    • Defcon70 scrive:

      E no, eh! Sto commento deprimente dopo un articolo con delle conclusioni del genere tienitelo sulla tastiera!
      “E’ quello che ci rende vivi. Quello che ci rende umani.” Mi è ritornato in mente “Twelve Monkeys” del grande Terry Gilliam, ma come spiegarlo a queste donnucce impaurite, senza mezzi intellettuali e materiali che son diventati molti italiani.

      • Mara Gasbarrone scrive:

        Spiacente, ma definire “donnucce impaurite” gli italiani, “senza mezzi intellettuali e materiali”, mi pare veramente significativo di residui patriarcali, che non mi aspetterei di trovare da queste parti
        Una donnuccia non impaurita

  2. Corrado Truffi scrive:

    Ci sono alcune cose che non condivido nel tuo ragionamento. In primo luogo, se è vero che c’è una correlazione fra PIL e altri indicatori del benessere, non è affatto vero che questa correlazione è stabile nel tempo e nello spazio: la correlazione è alta fino a un certo livello di reddito, poi avviene un progressivo disaccoppiamento, il reddito cresce, il benessere cresce più lentamente. Ciò è ancora più evidente se si prova a misurare la “felicità” (una derivazione certamente più soggettiva ma altrettanto importante del concetto di “benessere”). La felicità cresce nei vari paesi al crescere del PIL, poi, dopo un certo livello, la felicità cresce sempre meno rapidamente, a prescindere da quanto si pompi il PIL. Probabilmente, è per questo che la passione per la decrescita è una cosa per conservatori benestanti: solo quando lo si è si comincia ad essere insoddisfatti della crescita materiale che, oltre un certo limite, non da più gran “felicità”.
    Quindi: misurare il benessere e la felicità con qualcosa di diverso dal PIL non è affatto inutile, anche se è difficile. E, mi permetto di dire, polemizzando tanto per cambiare con NfA, che non è vero che siamo così indietro nel riuscirci: http://www.misuredelbenessere.it/

    In secondo luogo, ho qualche perplessità sul fatto che problema sia solo la finitezza delle risorse. Secondo me, il problema più rilevante non è il picco del petrolio (e in genere la fine delle risorse fisiche), ma la sostenibilità climatica e in genere ecologica. Insomma, il problema è quello sintetizzato nell’equazione I=P×Y×T che ho discusso qui: http://www.imille.org/2011/07/la-decrescita-riformista/ . Il problema è se sia possibile un disaccoppiamento abbastanza veloce, ossia se sapremo fare in modo che avanzamento tecnologico e trasformazione verso l’economia immateriale siano più veloci del degrado ambientale dovuto alla produzione materiale.

    Detto questo, concordo in pieno con l’acume con cui individui le evidenti contraddizioni dei teorici della decrescita stile Pallante: volontarismo, anticapitalismo semplificatorio, e sopratutto, ricette operativamente fragili.
    Il fatto è che si tratta di un discorso molto affascinante perché dà risposte apparentemente semplici a problemi comunque enormi, ai quali anche noi diamo risposte incomplete: non vogliamo continuare con il BAU della crescita a tutti i costi, ma definire cos’è un vero sviluppo sostenibile, e qual’è la governance per ottenerlo, resta un’impresa complicata quasi come quella di immaginare un mondo in decrescita.

    • Defcon70 scrive:

      Ringrazio Corrado per aver linkato il suo articolo su iMille, che mi ero perso.
      Faccio un po’ di osservazioni in ordine sparso:

      Io lascerei fuori dalle argomentazioni tutto ciò che riguarda la “felicità”, che è veramente un aspetto troppo soggettivo e fuorviante. Per fare esempio estremo, entrambi i beneficiari di un voto di scambio sono stati probabilmente felici dopo aver concluso quell’affare, non altrettanto la società, che paga due volte per l’assenza di meritocrazia.

      Anch’io sono convinto che, solo in parte modesta, il problema sia nella finitezza delle risorse energetiche e in genere e che sia una questione di punti di vista: quello della working class di società sempre più diseguali per carenza di redistribuzione della ricchezza per esempio. Oppure quello del giovane brasiliano nato in una favela ma adesso pienamente occupato che si sta comprando o sta abitando una dimora dignitosa e sta scoprendo la libertà di spostarsi e viaggiare.

      Starò troppo terra-terra, ma a mio vedere non è poi così difficile immaginare uno sviluppo sostenibile: basta rileggere e aggiornare le molte proposte che nei decenni scorsi i riformisti hanno immaginato. Che, per inciso e per chiarezza, non è ciò che la sinistra italiana ha prodotto in coerenza.

      • Corrado scrive:

        Sulla misurazione della felicita’ sbagli. C’è una vasta letteratura e una vasta statistica in merito. Nel mio articolo cito, a titolo di esempio, l’ottimo libro di Bartolini che ti consiglio vivamente.

      • Filippo Zuliani scrive:

        Corrado, nessuno mette in dubbio che esista una letteratura in merito. La domanda pero’ era un’altra, molto piu’ semplice: esiste un indicare da prendere come riferimento al posto del PIL? Se si’, quale? (link alla fonte preciso, pliz, niente rimandi a “vaste letterature” in materia).

    • Filippo Zuliani scrive:

      Corrado, con riferimento al tuo articolo:
      - I = P x Y x T e’ una ottima formula di partenzae per l’impatto ambientale, tuttavia il problema e’ sempre lo stesso: qual e’ la soglia di insostenibilita’ del I? Perche’ capirai, per rimanere ad un esempio che conosco bene, che il ferro sulla terra e’ si’ finito ma talmente abbondante che della disponibilita’ di ferro non dobbiamo preoccuparci per i prossimi milioni di anni. Imporre un limite sull’uso del ferro in termini di disponibilita’ minerale e’ una bischerata. Da un punto di vista della disponibilita’, la tua formual torna allora alla decennale diatriba tra “geologi” ed “economisti” sull’ammontare di risorse sfruttabili, senza nessun significativo passo in avanti.
      - Sulla definizione di T (intensita’ tecnologica della produzione) si puo’ invece giocare assai. Un buon punto di partenza sarebbe la CO2/$, come giustamente scrivi nel tuo articolo, ma anche Energia/$ e EROEI e’ interessante e vedo bene pure una combinazione dei tre. Sapresti darmi un link alla referenza che hai usato per la CO2/$ di cui parli nel tuo articolo?

    • Mara Gasbarrone scrive:

      Ho cominciato a leggere “Va già meglio” di Charles Kenny, e non mancano le evidenze che benessere e pil sono solo parzialmente correlati: in molti paesi poveri è stato possibile avere forti guadagni nella speranza di vita o nella scolarità anche con una dinamica molto modesta di Pil.
      Insomma, che il Pil da solo non basti a misurare tutto appare dimostrato non solo “ideologicamente” (e dell’ideologia farei volentieri a meno, non ci servono orianefallaci di sinistra), ma anche e soprattutto empiricamente

      • Filippo Zuliani scrive:

        Mara, gli economisti non sostengono che il PIL basta a misurare tutto. Si sostiene invece che di tutti gli indicatori considerati e considerabili il PIL sia il meno peggio.

  3. m.s. scrive:

    Non conosco i dati sul rapporto PIL/indicatori, ma quando sento dire che c’è un buon coefficiente lineare, *quindi* le due misure sono equivalenti, mi ricordo sempre di questo:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Anscombe%27s_quartet

  4. Corrado scrive:

    Per continuare coi link: questo e’ lunghissimo e anche un po’ palloso, ma di quando in quanto e’ utile scoprire che il marxismo all’antica ha ancora qualcosa da dire di non del tutto inutile: http://www.sinistrainrete.info/marxismo/1920-riccardo-achilli-decrescita-e-marxismo.html. E, comunque, mi ha fatto tenerezza leggerlo, da vecchio komunista quale sono….

    • Filippo Zuliani scrive:

      Tutto il discorso si regge su un cardine solo: ai consumi attuali, abbiamo superato l’impronta ecologica limite del pianeta. Lo dice il modello World 3 elaborato a suo tempo dal Club di Roma.

      Ora, Corrado, la proposta indecente: mi piacerebbe che parlassi un po’ di quel modello. Da che ipotesi parte? Che metodi usa? Ti renderai conto che citare i risultati di un modello, costruendoci sopra pagine e pagine di analisi socio-economica, senza nemmeno sapere che cosa calcola e come lo calcola suona quantomeno fideistico.

      • Corrado scrive:

        E’ una sfida? Il libro del club di Roma in nuova edizione 2010 ce l’ho, ma non lo ancora letto. Ci provo e vedo di verificare quanto stia in piedi:-)

  5. Mattia scrive:

    Che le risorse finiscano non è una paura, è una certezza… e dobbiamo muoverci in base a questa certezza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 144 follower