Comunicazione di servizio

Questo blog è rimasto silente per una difficile questione lavorativa. Mille scuse ai lettori. Domani parliamo di intensità energetica e efficienza.

Inventare è facile, produrre no

Su Il Post si parla del prototipo di una nuova batteria di alluminio che si carica in un minuto e dalle aspettative mirabolanti. Commento mai più assennato si trova su wolfstep. Riporto qui sotto l’esempio edificante dell’auto a condensatori. Con la tecnologia delle batterie non va troppo diversamente. A margine, val la pena riflettere sul modello di ricerca di base che si sta sviluppando nelle economie avanzate, ove si costringono ricercatori e accademici a re-inventarsi nel marketing delle comunicazioni e uscire a giorni alterni con annunci di prototipi rivoluzionari per accaparrarsi i fondi disponibili. Più ricadute pratiche più quattrini, alla faccia della ricerca di base.

Il punto e’ che di invenzioni geniali in fase di prototipazione e’ pieno il mondo. Qualsiasi coglione puo’ produrre un prototipo funzionante di automobile a condensatori ceramici. Si prende la solita Panda 4×4, degli studenti che amano la meccanica e zac, ecco che abbiamo fatto l’auto elettrica economica con i condensatori ceramici come batteria.

Poi pero’ arrivano i certificatori della sicurezza e scoprono che no, mettere i motori nelle ruote e usare cavi per portare energia produce il rischio di inchiodamento della ruota stessa. Quindi occorre rimettere l’albero di trasmissione e un motore centrale, cioe’ ri-mettere quei 100kg di ferro che avevamo tolto. E gia’ l’autonomia scende.
Poi arrivano quelli che controllano la tenuta di strada e dicono che no, comunque la coppia di un motore elettrico va gestita diversamente, che non dobbiamo girare dentro il cortile dell’universita’, ma per le strade e per le autostrade. Quindi metti pure dei limitatori e non attaccare il pedale dell’acceleratore ad un reostato.
Poi arrivano i certificatori del crash test, e hanno dei pregiudizi verso condensatori capaci di fulminare qualsiasi soccorritore si avvicini dopo un incidente.

Alla fine, quando abbiamo finito di trasformare il prototipo in un’auto, scopriamo che della nostra Panda a condensatori ceramici rimane una cosa che ha autonomia di 3 metri e velocita’ massima di 1 km all’ora.

Che fine ha fatto il nucleare

Dicono che il 2014 sia stato l’anno record della produzione di reattori nel mondo.

Energía y motores

L’articolo sull’economia del pico del petroléo è disponibile in catalano.

Blackout

Qualche invii un paio di centrali a gas italiane in Olanda, di quelle in overcapacity. Dicono che servano.

Le rinnovabili in Italia

Il GSE ha pubblicato il rapporto sulle rinnovabili in Italia nel 2013.

Come va il mercato dell’auto

Nel 2014 sono state costruite quasi 90 milioni di auto. Il 3 per cento in più di un anno prima.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 208 follower