Non spingete

Causa recente migrazione tra sistemi operativi, ho smarrito la lista dei link che scorrevo ogni giorno per tenermi aggiornato. La lista era un po’ datata e val la pena rifarla daccapo. Ogni suggerimento su link e fonti di valore è beneaccetto. Grazie.

Meglio tardi che mai

Il Senato Italiano s’è accorto, primo in Europa, che il sistema degli ETS per abbattere le emissioni di CO2 non funziona. La soluzione passa per un prezzo amministrato della CO2 contenuta nei beni, un LCA sulla CO2 in pratica, che qui si perora da tempo in materia di energia e riduzione delle emissioni nella cornice commerciale globale moderna.

Quanto al sistema ETS, non si è dimostrato capace di saper orientare – in senso virtuoso ed ecocompatibile – i grandi emettitori europei di CO2 verso l’efficienza energetica e un maggiore impiego di energie rinnovabili. [..] (La soluzione, ndFZ) potrebbe essere identificata applicando un sistema di tassazione diretta del carbonio presente nei prodotti, in modo da rendere chiara l’applicazione di una fiscalità ecologica.

[Da Risoluzione Commissioni X e XIII del Senato sulla proposta di regolamento Ue sulla governance dell’Unione energetica]

Usi localmente indesiderati

Il fenomeno [NIMBY, ndFZ] non è nato in Italia, come gli acronimi inglesi rivelano. Ma una volta comparso sulla nostra scena è riuscito ad attecchire in modo floridissimo, fino a diventare onnipresente da un capo all’altro della penisola. Perché? La diffusione della sindrome NIMBY [..] è il frutto della congiunzione di due fattori che sono particolarmente sviluppati in Italia: [..] l’arroganza aggressiva del potere, e la chiusura difensiva delle comunità locali.

[da RiEnergia, qualche giorno fa]

Ridurre l’impatto sull’ambiente

Ieri era la Giornata per la Terra. Su questo blog si sta a 6 su 7. Voi?

l’utilizzo di lampadine a basso consumo consente di ridurre di molto la quantità di energia necessaria per illuminare gli ambienti di casa; inoltre, le nuove lampadine LED sono molto più pratiche e durano più a lungo delle precedenti generazioni di lampadine fluorescenti a basso consumo;

seguire le indicazioni per la raccolta differenziata – a partire dalla separazione di vetro, plastica, carta e umido – rende più semplice ed economico il riciclo dei materiali, e al tempo stesso contribuisce a ridurre i costi della tassa per i rifiuti;

aria condizionata e riscaldamento dovrebbero essere tenuti entro un intervallo di 5 °C in meno o in più rispetto alla temperatura esterna, per ottenere la massima resa e al tempo stesso ridurre i consumi di energia elettrica o gas;

mezzi pubblici, biciclette o i piedi sono ottimi sostituti dell’automobile, e una alternativa più salutare (poi, certo, molto dipende dall’offerta di servizi per questo tipo di trasporti nella propria città, ma anche su questo si può migliorare esigendo più attenzione da parte delle amministrazioni cittadine);

l’acqua non è una risorsa infinita, oltre al classico consiglio di non lasciare il rubinetto aperto mentre ci si lavano i denti o di preferire la doccia al bagno, è bene utilizzare elettrodomestici come lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico, oltre all’acqua si risparmia qualcosa anche in bolletta;

se state pensando di cambiare un elettrodomestico, scegliete quelli di categoria A, che consumano molta meno energia rispetto alla loro resa e sono spesso costruiti con materiali più ecologici;

rifiuti speciali come batterie, computer, smartphone e tablet devono essere portati nei centri di raccolta del proprio comune e non lasciati nei normali cassonetti; se il dispositivo è lento, ma funziona comunque ancora, può essere donato a scuole o altre istituzioni.

Auguri

Buona Pasqua, diciamo.

Parlar del TAP

Dicono che i motivi della protesta contro il TAP sono un misto di populismi e strumentalizzazione politica.

Sacrifici sacrifici sacrifici

Che l’elezione di Trump a presidente degli Stati Uniti sia vista con apprensione dai gruppi ambientalisti di mezzo mondo non dovrebbe sorprendere nessuno. Già a novembre su RiEnergia trovava posto un speciale monotematico sulle (future) politiche economico-produttive del biondo miliardario, tutte pro-fonti fossili e anti-global warming. Tra le tanti disamine di intenti e contenuti, sono tuttavia pochi pochi quelli che si sono soffermati ad analizzare i mezzi. Insomma, se Trump è stato eletto è perchè le persone hanno ascoltato quello che ha detto e lo hanno votato. Perchè lui e non altri, portatori di messaggi più illuminati?

Leggi il resto dell’articolo