Bentornati

Ora ci rimettiamo in pari dopo le ferie.

Annunci

Partenza

Questo blog va in vacanza. Ci rivediamo a inizio settembre. Grazie a tutti, intanto.

Quanto vende l’auto elettrica /2

Considerate le solite Nissan Leaf e Chevrolet Volt (Opel Ampera nella sua incarnazione europea), campioni della categoria, i numeri dicono in America sono state vendute circa 5000 Leaf e 3000 Volt dall’inizio dell’anno. Tante? Poche? La Toyota Prius vendette circa 6000 vetture nel suo primo anno di vita. Oggi, dopo 10 anni, il totale di vendite mondiali di Prius ha raggiunto e oltrepassato quota 2 milioni, che fa mediamente 200mila vetture all’anno, prevalentemente in Giappone. D’altra parte, nella sola Italia, nel 2011 FIAT ha venduto 80mila Punto su mercato che immatricola ogni anno circa 2 milioni di auto.

L’auto elettrica ha ancora una lunga strada davanti a sè.

Lezioni di economia globale

Sulla crisi dei mercati finanziari si sono scritte tante cose. Quella sotto è forse una delle più intelligenti.

Quel che non va è che ci sono troppi mercati – finanziari, ma anche industriali – che sono diventati troppo grandi e troppo astratti per essere davvero mercati. Mercati che per definizione non possono essere concorrenziali. [..] Quel che stiamo vedendo in questi giorni, il potere delle agenzie di rating, o la potenza del tutto razionale – dal punto di vista di chi la esercita – della “speculazione” nel determinare il destino di intere nazioni, non è altro che la più alta e tragica rappresentazione di una rinnovata situazione di monopolio dell’informazione e di concentrazione del potere. Al posto del mercato che tutto livella grazie alla concorrenza, il mercato che tutto concentra grazie al monopolio – di fatto – del capitale e dell’informazione.

[il sempre ottimo Corrado Truffi su iMille]

Iron Man esiste

L’armatura si chiama XOS2 ed è in fase di sviluppo. Manco a dirlo, le applicazioni saranno di tipo bellico. Al momento, il problema è lo stesso delle rinnovabili: l’accumulo dell’energia, chè un supereroe attaccato ai cavi della rete elettrica non s’è visto nemmeno su Kick-Ass.

Invece che Iron Man, però, a me l’armatura ricorda più l’esoscheletro di Sigourney Weaver su Aliens.

Niente più nucleare. Sì, ma come?

il mio articolo per Il Post

Dopo l’incidente di Fukushima, la Germania ha deciso l’abbandono dell’energia nucleare dal 2022, anno in cui le centrali tedesche verranno spente. Da allora le domande più comuni sono state due: come Berlino pensa di sostituire l’energia dell’atomo – che oggi produce il 22 per cento dell’energia elettrica tedesca – e se gli incentivi alle rinnovabili continueranno o meno. Negli ultimi mesi, sono state molte le voci concordi nell’affermare che la Germania avrebbe abbandonando l’attuale sistema di finaziamento per le energie rinnovabili, reputato insostenibile nell’assenza di una fonte abbondante e ragionevolmente economica come il nucleare.

Leggi il resto dell’articolo

Il problema dell’auto elettrica

Dopo mille milioni di auto a benzina, Top Gear prova finalmente l’auto elettrica – Nissan Leaf e Peugeot iOn – con il consueto humour inglese. Su Top Gear non fanno mistero di preferire i classici motori a combustione interna, ma l’auto elettrica non esce comunque bene dalla prova per il solito problema dell’auto elettrica: la batteria. Alle obiezioni di Nissan sulla bontà della prova – una scampagnata per andare al mare – su Top Gear rispondono semplicemente riassumendo l’esito finale:

1) Electric cars are still very expensive.
2) The recharging infrastructure is patchy.
3) The range readout varies enormously, unlike the information given by a petrol gauge.
4) The Leaf is a very good car per se, and there’s nothing wrong with electric motors, but the battery, in our view, remains the Achilles’ heel of the whole package.

Buona visione. Vi suggerisco comunque di guardare l’episodio completo.