Quello che la stampa non dice

La qualità degli articoli sull’energia dei maggiori quotidiani italiani è generalmente scadente. Solitamente gli articoli si limitano al copia/incolla di lanci d’agenzia, corredati da numeri citati a caso o senza cognizione di causa. Va meglio sulla stampa specializzata, se non fosse le notizie che ivi leggete molto spesso sono biased, cioè riflettono l’orientamento di chi quelle notizie le pubblica, spesso per fini politici e/o propagandistici. Se un settimanale sostiene le rinnovabili aspettatevi solamente articoli in favore delle rinnovabili e contro il nucleare, e viceversa. Il risultato è che chi vuole farsi un’idea di come stiano davvero le cose nel mondo dell’energia, separando ciò che auspicabile da ciò che è ragionevole attendersi, lontano da propaganda elettorale e guitti arruffapopolo, generalmente non sa che pesci pigliare. Qui di seguito un breve commento alle notizie sull’energia apparse sui maggiori quotidiani italiani questa settimana. Spero possa esservi d’aiuto.

Fotovoltaico, record italiano: “Primi al mondo entro l’anno” – Repubblica 15/09/2011.
Repubblica commenta trionfante che “a fine 2011 la potenza installata sarà di 12 GW, con una produzione di elettricità superiore a quella di una centrale nucleare”. Quello che Repubblica non dice è che, senza supporto alle ricerca e ad un politica industriale basata sul fotovoltaico, al netto dei ritorni economici, questa potenza probabilmente ci costerà in incentivi almeno 2 miliardi di euro all’anno per 20 anni, per produrre la metà dell’energia della sopracitata centrale nucleare al doppio del prezzo. Questo tacendo del fatto che, in assenza di sistemi di accumulo dell’energia, al contrario della sempre sopracitata centrale nucleare, con quei 12 GW fotovoltaici di notte non accendete nemmeno una lampadina.

Biomasse. Boom di produzione di elettricità in tutto il mondo – LaStampa 13/09/2011.
Entro 2015 capacità a 35.000 MW da 22.500 attuali. Un aumento del 50 percento: un boom, dice LaStampa. Ma complessivamente è tanto o poco? La potenza complessiva degli impianti per la produzione di energia rinnovabile nel mondo è di 381 GW. Le biomasse dovrebbero dunque portare un incremento di 12 GW su 381, in 5 anni.

Eolico. Giappone punta su parchi galleggianti – LaStampa 16/09/2011.
L’obiettivo è arrivare a 1000 MW di potenza entro il 2020 tra impianti a terra e offshore, scrive LaStampa, con cui sostituire il nucleare dopo l’incidente a Fukushima. Numeri alla mano, 1 GW di potenza eolica offshore produrrebbe circa 3 TWh all’anno di energia elettrica. Prima dello tsunami, la potenza nucleare installata in Giappone era di 47.5 GW che producevano 330 TWh all’anno. Cento volte di più della produzione stimata dell’eolico per il 2020. Nel frattempo, in Giappone 29 reattori su 54 sono stati fermati, privando il paese del 15 per cento dell’energia elettrica e generando blackout sparsi. Intanto che si mettono in pari con le rinnovabili, probabilmente non prima di dieci venti anni, i giapponesi si stanno arrangiando importando gas.

Mail, cloud e cambiamento climatico – IlFattoQuotidiano 19/09/2011.
E-mail, chat, navigare o soffermarsi su un blog consuma energia e produce CO2. Google, Microsoft, Apple & co. emettono enormi quantità di CO2. Orrore. Il Fatto Quotidiano ha scoperto che Google, Microsoft e Apple sono grandi imprese e che come tali consumano. Ma ci era già arrivato anche il Corriere.

Annunci

3 Responses to Quello che la stampa non dice

  1. ziomaul says:

    la Stampa sule notizie tecnologiche è sempre stato carente. Giochi facile!

    Comunque le notizie corrette da parte mia sono:

    Le biomasse non possono avere un trend elevato avendo raggiunto in più parti il limite naturale. Salvo iniziare nella distruzione di zone boschive…

    Il parco offshore che si cita è solo quello al largo di Fukushima (1000 MW di potenza entro il 2020 l’intera costa) complessivamente sarà molto di più ma le stime non sono ancora note. I blackout non ci sono da un mese in Giappone anche se viene razionata l’elettricità.

    Google è anche produttore d’energia rinnovabile…

    Ciao

  2. Jojo_me says:

    Vero.
    Con Stampa, Repubblica, Corriere e Fatto si gioca “troppo” facile. Non vale.

    Ieri, mia figlia di 4 anni mi ha chiesto che lavoro facessi (ingegnere meccanico); io sono stato a spiegare, al meglio che mi riusciva, per almeno una decina di minuti. All’uscita, ho saputo dalla maestra che ha detto che il suo papà “lavora con il ferro”.

    Spiacente, ma questo è il livello dei quotidiani nostrani: bimbi di 4 anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...