Non è un pesce

Dal primo aprile scatta il calo delle bollette del gas: -7% entro la fine del 2013.

Annunci

Caro petrolio: speculazione o esaurimento?

Il mio articolo per iMille-magazine, scritto a quattro mani con l’energisauro

5d4bcfad-ac5f-c8c8Oramai da due anni il prezzo si è assestato su un valore medio di circa 110 $/barile. Un prezzo molto più alto del passato ancora prossimo – nel 2009, subito dopo il crollo dei mercati finanziari, il petrolio arrivò a costare 40 $/barile – con tutti i problemi che ne conseguono per caro-benzina e dipendenza dal trasporto su gomma. Secondo alcuni il caro-petrolio sarebbe imputabile alla speculazione finanziaria operata dalle banche [1]. Secondo altri, siamo semplicemente prossimi all’esaurimento delle risorse. Per chiarire le cose è necessario distinguere i diversi meccanismi che concorrono e compongono le dinamiche del mercato del petrolio.

Leggi il resto dell’articolo

Custodi dell’ambiente

papakirchnerHo pensato molto se scrivere o meno questo articolo. Un po’ perché non sono ancora giunto a una conclusione precisa, un po’ perché sconfina in questioni di fede milleneristica per le quali non ho mai avuto molta simpatia. Scrivo quel che penso qui, nella speranza di chiarire le idee.

Il simbolismo pauperista ha conquistato i giornali italiani. Partiamo da qui. Passi per Papa Francesco, ma all’Italia cosa cambia se qualche Deputato italiano sale al Quirinale a piedi? Chiaramente, il simbolismo è importante, e tutti amano l’approccio dei governanti nordici che vanno al lavoro in bicicletta, ma quando il simbolismo cessa di avere un significato reale e diventa un esercizio di marketing a fini elettorali? Non la si prenda come una critica a chi usa i piedi per andare al Quirinale anzichè un’auto blu, ci mancherebbe. E’ un discorso molto più generale, sulla crescente esposizione di simboli pauperisti e sul loro utilizzo ad hoc, spesso fuori bersaglio, delle ultime settimane.

Leggi il resto dell’articolo

Grazie catastrofisti

La Procura della Repubblica estende le indagini dal fracking alla prevedibilità dei terremoti. Lo ha anticipato il procuratore aggiunto della Repubblica , dottoressa Lucia Musti, annunciando un fascicolo d’inchiesta nel quale confluiranno anzitutto dichiarazioni e filmati dell’ex presidente dell’Ingv Enzo Boschi. Boschi a Mirandola ad un convegno organizzato dal senatore Giovanardi a favore del deposito gas di Rivara è stato filmato mentre dichiarava che non c’era il rischio di terremoti di forza tale da far crollare le case nella Bassa. Le indagini della Procura erano finora incentrate sui decessi conseguenti alle scosse del 29 maggio 2012, sui danni delle scosse del 20 maggio e per l’appunto sul fracking, la frantumazione nel sottosuolo delle rocce per ricavare idrocarburi.

[La Gazzetta di Modena, qualche giorno fa]

Dopo mesi passati ad ascoltare i talebani del fracking come causa del terremoto in Emilia (sic!) la Procura della Repubblica di Modena vuole capire se il terremoto dell’anno scorso era prevedibile. Neanche avessimo tempo che ci avanza, in Italia.

Elettrico o metano?

tutti e due, come sappiamo.

Ma a favore dell’elettrico, non va sottovalutato l’impatto sul consumatore attento delle emissioni locali quasi-zero di PM2.5-10, gas nocivi e emissioni acustiche.

La pensano così anche i pubblicitari: Nissan Leaf , Mitsubishi i-Miev e infine il bellissimo di Renault Zoe (sotto) con il messaggio subliminale (ma non troppo) sul finire dello spot: il business man, immobile e assorto nella lettura di fatti di Business-As-Usual (BAU), incapace di comprendere realmente la società, che viene illuminato dai movimenti rivoluzionari del popolo.

Che dire poi del Silent Treatment e del  Tail-patch sempre da i-Miev?

Mitsubishi poi punta anche sulla sportività per guadagnare sull’immagine, ma pare essere un caso isolato.

Nessun grande costruttore infatti si è associato per adesso alla FIA Formula E, con la sola McLaren impegnata nella fornitura dei motori e Michelin delle gomme: ma c’è tutta la copertura mediatica del caso e grandi investitori dietro il progetto.

I GP della Formula E, col calendario che parte nel 2014 nei 5 continenti, saranno tutti urbani e questo la dice lunga su quale sia il mercato di interesse per i BEV. Uno sarà anche a Roma, l’unico in Europa: saran contenti i romani, almeno gli sistemeranno un po’ le strade…

[hat tip: Defcon70]

Prime vittime nel solare

Suntech, leader nei pannelli solari e una delle maggiori filiali del colosso cinese Suntech Power ha dichiarato bancarotta. Secondo il Sole24ore, il crack è statao causato dall’eccesso di offerta di pannelli a basso costo da parte dei produttori cinesi e dai dazi antidumping da parte di Stati Unite e UE.

Questa è missione per Superman

Ora che si conferma nella scelta del nome di Papa Francesco, l’adesione all’ideale di Chiesa di San Francesco d’Assisi, sarà interessante vedere in quali aspetti questa adesione si concretizzerà. In particolare sarà interessante vedere [..] se si metterà in discussione l’antropocentrismo violento che contraddistingue molte religioni monoteiste ed è una delle basi dell’ecocidio in atto [nell’economia moderna, infatti, le Risorse Naturali sono li per essere trasformate in benessere umano, ndEE].

Luca Pardi, presidente di ASPO Italia, sul suo blog]

update: per ora Papa Francesco si è limitato a una blandissima incitazione “a tutti coloro che occupano ruoli di responsabilità in ambito economico, politico o sociale” di farsi custodi dell’ambiente, che fa molto politically correct ma poco altro. E’ ovvio che ognuno di noi ha a cuore l’ambiente attorno a sè, cosa che fa tutti noi dei custodi dell’ambiente immagino, ma costruire una scuola è custodire l’ambiente oppure no? E comperare un hamburger al supermercato, magari due?