Ce la possiamo fare col riscaldamento globale?

Probabilmente no. O meglio, riusciremo sicuramente un giorno a promuovere politiche climatiche globali, ma non nei prossimi anni. [..] Tre sono i punti fondamentali dietro il pessimismo generale. (i) La grande crescita dei consumi energetici è prevista nei Paesi in via di sviluppo che, nei prossimi 20 anni conteranno per più di 3/4 delle emissioni mondiali. È altamente improbabile che molti di questi siano disposti a rinunciare a qualcosa. (ii) Gli effetti dei cambiamenti climatici variano molto da regione a regione, non sono sempre negativi e, soprattutto, sono molto difficili da stimare. Trovare un accordo globale, equo e condiviso, non è semplice. (iii) Per limitare il riscaldamento ai noti 2°C, circa 3/4 delle riserve mondiali già scoperte oggi di fonti fossili dovrebbero restare sottoterra. Significherebbe di fatto rinunciare ad estrarre petrolio, gas e carbone dai giacimenti già ritrovati a seguito di investimenti miliardari. Scenario difficile, visto l’indotto economico e occupazionale che ruota intorno a tali business.

[Energisauro su iMille-magazine, oggi]

2 Responses to Ce la possiamo fare col riscaldamento globale?

  1. sesto rasi scrive:

    Bella sintesi delle spinte opposte, senza ideologismi, da parte dell’energisauro e bella scelta di filippo di fare una sintesi della sintesi e riportarla.

  2. Pingback: ce la possiamo fare col riscaldamento globale? | questione di energia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...