Perfida Albione /2

Qualche settimana fa il governo italiano in carica propose di ridurre la bolletta energetica italiana tramite il Decreto Legge n.91, principalmente tramite lo spalma–incentivi del solare fotovoltaico, in cui si rinegoziava unilateralmante il periodo di incentivazione spalmandolo su più anni senza compensazione. Addirittura l’Ambasciata britannica intervenne per chiedere di modificare la norma, cosa puntualmente non avvenuta.

E’ di qualche giorno fa la ricerca degli olandesi di Solarplaza che rivela, finalmente, chi possiede cosa nel mercato degli asset fotovoltaici europei. Va da sè che la mappatura degli incentivi incassati, almeno per quanto riguarda il nostro Paese, probabilmente non è distante. L’infografica di Solarplaza la trovate sotto sotto.

Orbene, il primo possessore di impianti FV in Italia è RTR Energy, con quasi il 2% dell’intera base installata italiana. Azienda acquistata tempo fa dalla Private Equity firm Terra Firma, chi indovina a che nazione fa riferimento Terra Firma vince una foto autografa di questo blog con spilletta.

infoFV

Auto eolica

Per chi ci crede, ne parla Repubblica, con la consueta autorevolezza del giornalismo scientifico italiano.

Secondo i ricercatori coreani questo sistema, montato sul tetto di un’auto (avrebbe le dimensioni di 7,5 centimetri per 5) potrebbe produrre una quantità di energia pari a 0,86 megaWatt.

[hat tip: Enrico C.]

nota: i lettori di questo blog mi scuseranno la recente apnea. Di ritorno da pochi giorni da una settimana in Scozia con il Ducati Club Netherland, ora ci rimettiamo in pari.

Bollette di casa nostra

Dopo 40 anni, in Italia si non penalizza più chi consuma più energia elettrica rispetto al consumo medio. Ci torniamo con calma. Per ora buone nuove.

[hat tip: Defcon70]

Tra due anni

General Motors annuncia la guida automatica sulle auto di serie.

[hat tip: Enrico C.]

Crescita esponenziale

Normalmente questo blog tratta di energia e ambiente e lascia il resto agli esperti. Faccio uno strappo per l’epidemia di ebola, sulla quale circolano tantissime sperequazioni di esperti del nulla a caccia di click su pandemie imminenti e crescita esponenziale dei contagi. Sottolineo esponenziale. L’esponenziale è da sempre la curva prediletta dai catastrofisti per predirre la fine del mondo dietro l’angolo.

Leggi il resto dell’articolo

Comunicazione di servizio

Questo blog è rimasto in ferie per qualche giorno. Un attimo di pazienza che ora ci rimettiamo in pari.

Non una guerra per il petrolio

Sono mesi complessi: le tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina, l’avanzata dello Stato Islamico in Iraq, le lotte intestine in Libia. Ebbene, nonostante questo, i mercati del petrolio sono stabili come non capitava da 25 anni. Dicono sia merito di shale gas, tight oil e ultra-deepwater prodotti nei paesi non-OPEC.