World Energy Outlook 2014

Se ne discute oggi su Agienergia.

Nel principale scenario Weo la domanda mondiale di energia è attesa in crescita del 37% al 2040, a un ritmo medio dell’1,1% annuo contro il 2% degli ultimi due decenni. Ciò per effetto combinato dei prezzi, delle politiche di efficienza e di un cambiamento strutturale dell’economia verso attività a minore intensità energetica. L’incremento sarà essenzialmente concentrato nelle aree non-Ocse con l’Asia a fare la parte del leone (60% dell’aumento). La domanda in Europa, Nord America, Giappone e Corea resterà invece sostanzialmente invariata.

Il fabbisogno sarà coperto ancora per tre quarti dalle fonti fossili, circa un 25% ciascuno per petrolio, gas e carbone, mentre la parte restante da fonti a bassa intensità di carbonio. Un assetto che pone molteplici sfide. Da un lato sul fronte del cambiamento climatico, considerato che secondo l’Aie con tali premesse l’incremento globale della temperatura nel lungo termine sarà di 3,6 °C contro il target IPCC di 2 °C. Nel contempo sono numerosi gli interrogativi sul come soddisfare l’accresciuta domanda di fonti fossili. E a dispetto del quadro attuale di un mercato petrolifero ben rifornito, avverte l’Agenzia, le “preoccupazioni sulla sicurezza sono destinate a aumentare”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...