Rinnovabili a metano

In attesa dell’idrogeno, si dice che convertire l’eccesso di energia elettrica delle rinnovabili in metano sia una alternativa non da scartare. L’efficienza finale ad oggi si attesta su un non esaltantissimo 25%, meno dell’idrogeno, col vantaggio di poter però contare su una infrastruttura rodata e robusta.


[dal blog di Assoelettrica, ieri]

10 Responses to Rinnovabili a metano

  1. michele scrive:

    Peccato che il metano incombusto enfatizzi 25 volte in più della co2 l’effetto serra e se di provenienza mediante estrazione di scisto sia devastante per l’ambiente.

  2. Egidio Bernini scrive:

    ma quando lo bruci il metano produce CO2 e quindi hai perso il vantaggio di non emissioni CO2 delle rinnovabili.

  3. ijk_ijk scrive:

    La Co2 prendi dall’atmosfera per produrre metano, poi la restituisci. Il metano è solo un vettore energetico,

  4. ijk_ijk scrive:

    Non capisco lo schema, ci sono 2 valori finali, 64 h2 e 51 ch4 ma tu parli di 25 per ch4. Da dove lo evinci?

    • Defcon70 scrive:

      25% nel caso si debba riconvertire quel metano in energia elettrica con un mix di centrali di produzione moderne (massimamente CCGT). Se invece utilizzassi quelle molecole di metano in una caldaia a condensazione al 105% di rendimento per riscaldarti casa allora quel 51% del solo Power to Gas diventa un 54% complessivo.

  5. Defcon70 scrive:

    Mi fa piacere che si sia passati velocemente ai primi impianti di produzione. Ne parlavamo due anni fa, ricordi?

  6. ijk_ijk scrive:

    La biomassa è comunque co2 presa dall’atmosfera dalle piante.
    Le sorgenti di co2 sono un problema non centrale in questo processo visto la loro abbondanza. Non rimarremo certo a corto di co2 dato che ogni processo di combustione di combustibili fossili ne genera in abbondanza.
    Semmai va capito se i rendimenti promessi dalla presentazione sono verosimili e se questi processi siano sostenibili economicamente.
    A me non sembra una cattiva idea buttare le eccedenze in metano dato che abbiamo già la rete e le tecnologie per utilizzarlo al meglio. Per esempio nella coogenerazione elettricità e calore. Sull’idrogeno forse ci sono più difficoltà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...