Quel legame profondo tra Europa e Russia

L’avete letto un po’ dappertutto, lo trovate riassunto facile e bene nella figura sotto.

[hat tip: Giacomo C.]

Annunci

Il futuro del nucleare

È difficile vedere qualcosa di diverso rispetto ad un declino relativamente rapido del nucleare nel prossimo futuro. I reattori esistenti stanno raggiungendo la fine del loro ciclo di vita e mantenerli ancora in funzione diventa sempre più problematico. La tecnologia post-Chernobyl, la cosiddetta Generazione III+, ha fallito nel suo tentativo di essere più sicura, meno cara e più facile da costruire, mentre per quanto riguarda le nuove tecnologie – come i piccoli reattori modulari (SMRs), i reattori ad alta temperatura e la tecnologia di IV generazione – non sembra siano stati fatti grandi progressi rispetto ad un decennio fa. La Cina e, in minor misura, la Russia rimangono le grandi speranze per l’industria nucleare.

[Steve Thomas su Agienergia, ieri]

La Russia e la battaglia del gas

La relazione tra Europa e Russia non è mai stata facile. Alcuni osservatori sostengono che la preoccupazione per la fornitura di gas dalla Russia è fuori luogo. n fondo, perfino durante la Guerra Fredda, la Russia – allora Unione Sovietica – è stato un fornitore affidabile e, contrariamente a quanto si pensi, a quel tempo la Russia riforniva l’Europa con più gas di quanto non faccia oggi.

Un’analisi più realistica, però, non può non notare che la relazione Europa-Russia negli ultimi anni si è fatta negli ultimi anni, per vari motivi. In pratica, le tensioni e le irritazioni tra i due partner sono all’ordine del giorno.

Leggi il resto dell’articolo